Consulta Nazionale Antiusura O.N.L.U.S.

Banner
Home

AZZARDO E USURA COMPROMETTONO DEMOCRAZIA, SALUTE PUBBLICA, PIL, RISPARMIO DEI CITTADINI E BILANCIO DELLO STATO. L’ECONOMIA NON PUÒ ESSERE SOLO SINONIMO DI PROFITTO. ARGINARE L’AZZARDO SI PUÒ CON LEGGI E REGOLAMENTAZIONE. REGOLAMENTARE NON È PROIBIRE

E-mail Stampa PDF

palermo-convegno_azzardo-2019È quanto emerso nei giorni scorsi a Palermo, nell’ambito del Convegno “Azzardo. Per una svolta istituzionale a tutela della persona e del bene comune”, organizzato dalla Consulta Nazionale Antiusura, che riunisce 31 Fondazioni Antiusura operanti nelle regioni del Paese, in collaborazione con la Fondazione Antiusura “Santi Mamiliano e Rosalia” di PalermoAzzardo e indebitamento a usura. Due fenomeni collegati che hanno riverberi sulla democrazia, sulla salute pubblica, sul Pil, sul risparmio dei cittadini e sul bilancio dello Stato. Vanno in netto contrasto con l’utilità sociale, la sicurezza e la libertà delle persone. La legge penale vieta l’azzardo. Non esiste dunque l’azzardo legale. A destare grande preoccupazione è l’azzardo on line, il quale è in espansione stravolgente. E allora come arginare questa terribile diffusione. Con le leggi e la regolamentazione, perché regolamentare non significa proibire. Ci sono comuni come Bergamo, Anacapri che dopo aver adottato dei regolamenti comunali no-slot registrano vistose diminuzioni del consumo di azzardo, e non solo. È necessario anche un cambio di passo da parte dell’approccio culturale rispetto ai temi economici: l’economia non  può essere solo sinonimo di profitto, è anche comunione, solidarietà e bene comune.

 

 

La celebrazione eucaristica nella Cattedrale di Palermo ha aperto la giornata. A presiederla l’arcivescovo di Trapani, S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, in sostituzione dell'arcivescovo del capoluogo siciliano, monsignor Corrado Lorefice, influenzato. Al termine della celebrazione mons. Alberto D’Urso, presidente della Consulta Nazionale Antiusura, e i volontari delle Fondazioni Antiusura si sono recati per una sosta di preghiera sulla tomba del beato Don Pino Puglisi.

È stato avviato un confronto franco e costruttivo tra le Fondazioni dell’Italia meridionale e il mondo delle istituzioni. “Nonostante il nostro grido d’allarme che parte da molto lontano – ha dichiarato mons. Alberto D’Urso -  i Monopoli stanno promuovendo a velocità supersonica l’immissione sul mercato di 265 mila slot e più di 55.000 pericolosissime moderne videolottery che equivalgono a 750 milioni circa di euro che nel 2019 saranno sottratti in più alle tasche dei giocatori. In sostanza la tassazione dello Stato continua a non risparmiare le vittime dell’azzardo”.
Nel 2018 il circuito del gioco d’azzardo ha raggiunto la cifra record di 107 miliardi di euro nel nostro Paese. Si tratta della somma delle parti che includono ogni segmento relativo al gioco: lotterie, gratta e vinci, macchinette slot, ippica, scommesse sportive, tra cui ovviamente quelle del calcio, del gioco online… Il settore del gioco on line non conosce crisi ma anzi e' in piena espansione, passando dai 21 miliardi e 331 milioni del 2016 ai 32 miliardi del 2018. Ma e' l'intero circuito a prosperare se si considera sia il canale digitale che le installazioni fisiche come le slot machine: in Italia negli ultimi 25 anni, tra la fine del 1993 all'ultimo consuntivo del 2017 il consumo lordo di 'gambling' e' passato da un valore pari a 8,79 miliardi di euro a 107 miliardi e 300 milioni nel 2018, con un balzo del 4,5 per cento tra il 2017 e il 2018 (passando da 101,850 miliardi a circa 107,3).

“Basta con i giochi di parole come: “giochi di abilità a distanza” dove di abilità non c’è niente ma è solo un casinò on line; basta con i rimandi e con le necessità di bilancio statale che a conti fatti tra costi e benefici registra solo perdite, ha dichiarato il Segretario Nazionale della Consulta Antiusura dott. Ruggero Ricco. Non è abolendo l’offerta che si può sperare in una diminuzione dell’azzardo”.

Su 32 miliardi di gioco on line registrati nel 2018 le entrate dello Stato sono state circa 330 milioni, pari a circa l'1 per cento. E se i concessionari prendono il 2 per cento, i proventi delle mafie sono pari a un miliardo e mezzo su 4 miliardi gestiti dai siti internet. Questo perche' collegandosi con regolare concessione ai siti on line per giocare il sistema tecnologico consente lo switiching verso i paradisi fiscali all'estero. “La mafia batte lo Stato 5 a 1", ha spiegato il prof. Maurizio Fiasco, consulente della Consulta nazionale Antiusura. Fiasco ha poi sottolineato la mancanza di rilevazioni precise sul gioco on line, tra vari paradossi: "Sono dati secretati con motivazioni false. Il punto e' che esiste una sproporzione enorme tra il volume del giocato e il ricavo erariale. Siamo passati da 5 modalita' di gioco d'azzardo a 51 e abbiamo 4 milioni di persone fisiche che si sono registrate on line con un profilo che fornisce indicazioni su eta' del giocatore, provenienza e orari di gioco. Il paradosso e' che questi 'big data' non sono a disposizione del ministero della Salute, ma vengono concessi alla Sogei".

“Quando mi sono reso conto, ha dichiarato il Presidente del Tribunale di Palermo dott. Salvatore Di Vitale, nell’ambito di un processo che i mafiosi erano i super premiati delle lotterie, ho capito che dal punto di vista delle normative e della regolamentazione del fenomeno qualcosa non funzionava”. A livello centrale, si è scelto di moltiplicare in termini esponenziali l’offerta di azzardo per utilizzarla come leva fiscale e fare cassa, parallelamente, però, negli stessi anni, gli amministratori locali hanno dovuto imparare a conoscerne le aberrazioni sui propri territori e a gestirne le conseguenze, primariamente in termini di tutela dei propri cittadini più vulnerabili.

“Va smontato l’argomento che una maggiore regolamentazione e diminuzione dell’offerta implichi dirottare i consumatori dal mercato legalizzato a quello clandestino e illegale, ha spiegato la dott.ssa Valeria Carella, Ricercatrice giurista. È necessario ristabilire la giusta narrativa su questo fenomeno, che è quanto mai carsico e intricato. È questo tipo di offerta, per come è stata congegnata dai concessionari, a cui lo Stato ha ceduto il passo, che radicalizza la popolazione dei giocatori all’azzardo”.

Gli interventi legislativi susseguitisi negli ultimi anni sulla materia non appaiono  coerenti tra loro, poiché questa materia si trova al centro di una fitta trama di interessi contrapposti. “Attraverso il controllo del gioco lecito lo Stato eviterebbe il riciclaggio di denaro di illecita provenienza, il ricorso a forme di violenza nei confronti dei giocatori insolventi e l’incremento dei patrimoni della malavita organizzata, ha dichiarato la dott.ssa Giovanna Nozzetti, Giudice terza sezione Civile Tribunale di Palermo. Per questa ragione, la legislazione di settore si sarebbe orientata non tanto verso l’enfatizzazione del disvalore morale del gioco d’azzardo, quanto piuttosto nella direzione della maggiore diffusione possibile del gioco lecito controllato dallo Stato”.

“Nel nostro ordinamento, ha ricordato il dott. Luigi Gaetti, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, l’intervento legislativo più organico in materia è stato effettuato, come noto, con il cosiddetto decreto Balduzzi (decreto legge n. 158 del 2012 , convertito nella legge n. 189 del 2012). Tra le diverse tematiche affrontate la legge ha previsto l’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza (LEA) con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da ludopatia.  - Tuttavia, la riforma  è rimasta incompiuta.  Da medico, mi preme sottolineare l'importanza dell'attivita' di prevenzione da parte del ministero della Salute e delle associazioni del territorio".

“E’ necessario che lo Stato  assuma una posizione forte, ha dichiarato la dott.ssa Antonella De Miro, Prefetto di Palermo.

“Ma i cambiamenti hanno bisogno di tempo e devono riguardare la cultura dei cittadini, ha ammesso il Sindaco di Palermo, prof. Leoluca Orlando. Palermo è cambiata tanto negli ultimi quarant’anni ma non per le leggi e la costituzione che sono rimaste le stesse, sono cambiati gli atteggiamenti delle persone”.

“È una partita che va giocata insieme, ha dichiarato la dott.ssa Annapaola Porzio, Commissario straordinario del Governo per il coordinamento iniziative antiracket e antiusura. L’usura è un crimine disgustoso. Il nostro operato si fonda sulla prevenzione, ma si esprime anche con la repressione e il sostegno”.

L’appello è stato accolto da mons. Alberto D’Urso che ha concluso: “Dobbiamo camminare insieme. Abbiamo iniziato quasi 25 anni fa, esiste la legge 108/96 grazie al nostro impegno e determinazione. La persistente crisi ha dimostrato tutte le inefficienze dei sistemi economici basati sul mero profitto. I poveri, che in questi anni sono diventati sempre più numerosi, non possono essere ignorati: riflettendo sulle loro situazioni, essi vanno recuperati alla nostra attenzione e diventare i protagonisti delle scelte del mondo economico e della politica, altrimenti non se ne esce. È necessario pertanto aprire percorsi di “economia di comunione” in cui l’approccio è capovolto: bisogna considerare gli attori dell’economia come persone che entrano in relazione le une con le altre per collaborare e condividere i beni propri e quelli degli altri”.

Alla Tavola Rotonda sono intervenuti anche il dott. Vittorio Alfisi, Presidente Fondazione Ss. Mamiliano e Rosalia di Palermo; padre Basilio Gavazzeni, Presidente della Fondazione Lucana Mons. Cavalla di Matera, il dott. Francesco Marzano, Presidente della Fondazione San Matteo Apostolo di Cassano allo Ionio, e l’avv. Amedeo Scaramella, Presidente della Fondazione San Giuseppe Moscati di Napoli, che hanno reso noti i dati sull’azzardo delle rispettive regioni.

GALLERIA FOTOGRAFICA

IMG_0413
IMG_0413 IMG_0413
IMG_0415
IMG_0415 IMG_0415
IMG_0421
IMG_0421 IMG_0421
IMG_0424
IMG_0424 IMG_0424
IMG_0427
IMG_0427 IMG_0427
IMG_0429
IMG_0429 IMG_0429
IMG_0434
IMG_0434 IMG_0434
IMG_0436
IMG_0436 IMG_0436
IMG_0444
IMG_0444 IMG_0444
IMG_0447
IMG_0447 IMG_0447
IMG_0450
IMG_0450 IMG_0450
IMG_0452
IMG_0452 IMG_0452
IMG_0456
IMG_0456 IMG_0456
IMG_0458
IMG_0458 IMG_0458
IMG_0460
IMG_0460 IMG_0460
IMG_0469
IMG_0469 IMG_0469
IMG_0471
IMG_0471 IMG_0471
IMG_0474
IMG_0474 IMG_0474
IMG_0475
IMG_0475 IMG_0475
IMG_0496
IMG_0496 IMG_0496
IMG_0497
IMG_0497 IMG_0497
IMG_0498
IMG_0498 IMG_0498
IMG_0502
IMG_0502 IMG_0502
IMG_0510
IMG_0510 IMG_0510
IMG_0512
IMG_0512 IMG_0512
IMG_0515
IMG_0515 IMG_0515
IMG_0518
IMG_0518 IMG_0518
IMG_0519
IMG_0519 IMG_0519
IMG_0523
IMG_0523 IMG_0523
IMG_0526
IMG_0526 IMG_0526
IMG_0529
IMG_0529 IMG_0529
IMG_0530
IMG_0530 IMG_0530
IMG_0533
IMG_0533 IMG_0533
IMG_0534
IMG_0534 IMG_0534
IMG_0537
IMG_0537 IMG_0537
IMG_0538
IMG_0538 IMG_0538
IMG_0540
IMG_0540 IMG_0540
IMG_0543
IMG_0543 IMG_0543
IMG_0545
IMG_0545 IMG_0545
IMG_0547
IMG_0547 IMG_0547
IMG_0549
IMG_0549 IMG_0549
IMG_0550
IMG_0550 IMG_0550
IMG_0552
IMG_0552 IMG_0552
IMG_0553
IMG_0553 IMG_0553
IMG_0554
IMG_0554 IMG_0554
IMG_0557
IMG_0557 IMG_0557
IMG_0558
IMG_0558 IMG_0558
IMG_0559
IMG_0559 IMG_0559
IMG_0560
IMG_0560 IMG_0560
IMG_0561
IMG_0561 IMG_0561
IMG_0564
IMG_0564 IMG_0564
IMG_0565
IMG_0565 IMG_0565
IMG_0566
IMG_0566 IMG_0566
IMG_0568
IMG_0568 IMG_0568
IMG_0571
IMG_0571 IMG_0571
IMG_0572
IMG_0572 IMG_0572
IMG_0573
IMG_0573 IMG_0573
IMG_0575
IMG_0575 IMG_0575
IMG_0576
IMG_0576 IMG_0576
IMG_0579
IMG_0579 IMG_0579
IMG_0580
IMG_0580 IMG_0580
IMG_0581
IMG_0581 IMG_0581
IMG_0582
IMG_0582 IMG_0582
IMG_0583
IMG_0583 IMG_0583
IMG_0584
IMG_0584 IMG_0584
IMG_0586
IMG_0586 IMG_0586
IMG_0587
IMG_0587 IMG_0587
IMG_0588
IMG_0588 IMG_0588
IMG_0589
IMG_0589 IMG_0589
IMG_0590
IMG_0590 IMG_0590
IMG_0592
IMG_0592 IMG_0592
IMG_0594
IMG_0594 IMG_0594
IMG_0597
IMG_0597 IMG_0597
IMG_0598
IMG_0598 IMG_0598
IMG_0601
IMG_0601 IMG_0601
IMG_0603
IMG_0603 IMG_0603
IMG_0604
IMG_0604 IMG_0604
IMG_0605
IMG_0605 IMG_0605
IMG_0609
IMG_0609 IMG_0609
IMG_0611
IMG_0611 IMG_0611
IMG_0612
IMG_0612 IMG_0612
IMG_0613
IMG_0613 IMG_0613
IMG_0617
IMG_0617 IMG_0617
IMG_0619
IMG_0619 IMG_0619
IMG_0620
IMG_0620 IMG_0620
IMG_0621
IMG_0621 IMG_0621
IMG_0623
IMG_0623 IMG_0623
IMG_0625
IMG_0625 IMG_0625
IMG_0627
IMG_0627 IMG_0627
IMG_0628
IMG_0628 IMG_0628
IMG_0630
IMG_0630 IMG_0630
IMG_0631
IMG_0631 IMG_0631
IMG_0634
IMG_0634 IMG_0634
IMG_0637
IMG_0637 IMG_0637
IMG_0639
IMG_0639 IMG_0639
IMG_0640
IMG_0640 IMG_0640
IMG_0643
IMG_0643 IMG_0643
IMG_0645
IMG_0645 IMG_0645
IMG_0648
IMG_0648 IMG_0648
IMG_0649
IMG_0649 IMG_0649
IMG_0650
IMG_0650 IMG_0650
IMG_0653
IMG_0653 IMG_0653
IMG_0654
IMG_0654 IMG_0654
IMG_0655
IMG_0655 IMG_0655
IMG_0656
IMG_0656 IMG_0656
IMG_0667
IMG_0667 IMG_0667
IMG_0670
IMG_0670 IMG_0670
IMG_0672
IMG_0672 IMG_0672
IMG_0673
IMG_0673 IMG_0673
IMG_0674
IMG_0674 IMG_0674
IMG_0675
IMG_0675 IMG_0675
IMG_0677
IMG_0677 IMG_0677