MONS. D'URSO (PRESIDENTE CONSULTA NAZIONALE ANTIUSURA): L’INTESA SUL "RIORDINO DELL’OFFERTA DI GIOCO IN ITALIA" IN LARGA PARTE NON È CONDIVISA

Venerdì 08 Settembre 2017 07:37 amministratore
Stampa

durso-baretta2«L’intesa sul "Riordino dell’offerta di gioco in Italia" raggiunta in Conferenza Unificata Stato-Regioni ed Enti locali in larga parte non è condivisa dalla Consulta Nazionale Antiusura, dal Cartello “Insieme contro l’Azzardo”, dalla Caritas Nazionale, dalle Associazioni Alea e And, Vita/Slot Mob, dal Movimento No Slot, dal Forum delle Famiglie, dell’Agesc e di Agita.
Sin d'ora rimarchiamo l'inaccettabile reticenza, rinnovata dagli estensori del testo dell'Intesa, nel denominare qual "gioco d'azzardo" quell'oggetto che essi indicano con la grottesca espressione "gioco pubblico". È un "particolare" rivelatorio della credibilità che i cittadini potranno dal canto loro attribuire ai decisori pubblici. Nello stesso tempo sottoniamo che le nostre voci critiche, gli argomenti che abbiamo addotti in questi mesi e la perseveranza da noi avuta sono valsi a correggere alcune delle più inqualificabili storture, quale ad esempio la cancellazione delle leggi regionali e i regolamenti comunali in vigore in numerose città d'Italia.

Prossimamente torneremo dunque a valutare, con competenza, con coscienza e con chiarezza, punto per punto, il senso e le conseguenze dell'accordo in Conferenza Unificata. Queste Associazioni, infatti, a breve si riuniranno per esaminare con precisione analitica le implicazioni istituzionali e sociali dello scenario che si apre ora. Con la consueta linearità esporranno i rilievi critici e indicheranno gli effetti sulla persona, sulla società e sul diritto dei quali si sono assunti la responsabilità quanti hanno oggi sottoscritto l’accordo.

Ci auguriamo che quanti avranno l'incarico di tradurre l'accordo in testo legislativo correggano almeno le più evidenti deviazioni e illegittimità contenute nelle pagine approvate stamane dai rappresentanti delle Regioni e dei Comuni.

Continuerà nel frattempo - afferma, concludendo, il Presidente della dalla Consulta Nazionale Antiusura mons. Alberto D’Urso - da parte dei membri delle Fondazioni antiusura in Italia, l’ascolto e la vicinanza alle vittime dell’azzardo e dell’usura; sarà intensificato il dialogo con le agenzie educative, in particolare con le famiglie, il mondo della Scuola, con le Associazioni che combattono l’azzardo e anche con le Istituzioni.

L’intesa raggiunta con le Regioni e l'ANCI non riguarda certo un "gioco pubblico", ma una pratica di massa di gioco d'azzardo promossa a vantaggio dei privati mediante una concessione dallo Stato.Il mondo delle Associazioni si aspettava ben altro. In questi mesi che precedono una campagna elettorale colpisce il nulla che i sottoscrittori dell'accordo dicono, ad esempio, sulla pubblicità ingannevole e su quanto sia devastante anche nel mondo dello Sport la martellante induzione alla scommessa delle mille Agenzie del settore»